Come allungare il pene senza farmaci e ricetta

Come allungare il pene senza farmaci e ricetta

Un significativo numero di uomini vive con ansia e disagio le misure del proprio pene. È un problema di grande importanza che non va sottovalutato perché talvolta, da semplice preoccupazione, può trasformarsi in una vera e propria malattia. Le dimensioni del pene rappresentano un parametro importante della virilità e un metro di paragone fondamentale per l’autostima maschile. Da qui è immediato comprendere perché le richieste di allungamento del pene siano in aumento. L’intento di questo articolo è rispondere alla domanda: come allungare il pene senza farmaci?

Come allungare il pene?

La necessità di aumentare la lunghezza e il volume del proprio pene induce molti uomini a ricorrere al bisturi, con risultati non sempre soddisfacenti e talvolta con enormi danni estetici. Altri invece preferiscono affidarsi alla terapia farmacologia, consistente nella somministrazione di ormoni, che deve essere fatta sotto stretto controllo medico perché potrebbe avere effetti collaterali importanti, ed è in genere abbastanza costosa.

Per fortuna, chi desidera qualche centimetro in più può contare su diverse sostanze naturali che agiscono sul trofismo dell’organo genitale maschile e possono influenzarne il volume. Esistono degli integratori, come Bio Tauro, in grado di migliorare l’erezione, la libido e la spermatogenesi, aumentando di riflesso la lunghezza massima del pene. Rispetto ai farmaci, sono in genere innocui e meno costosi. La loro utilità consiste nel favorire il necessario flusso di sangue verso il pene, esercitando un’azione espansiva.

Quali sono i principali rimedi naturali per allungare il pene?

In molti casi l’utilizzo di un integratore a base di estratti vegetali può essere d’aiuto per combattere le disfunzioni sessuali maschili e allungare il pene.

Arginina

Tra i vari prodotti commercializzati sotto forma di integratore con la promessa di allungare il pene vi è l’arginina. L’arginina appartiene alla famiglia degli amminoacidi ed è un precursore per la sintesi dell’ossido nitrico. Quest’ultimo induce vasodilatazione e un miglior trofismo degli organi e dei muscoli del corpo. Non a caso è un integratore utilizzato dai bodybuilder per indurre un aumento della massa muscolare. Anche se attraverso meccanismi diversi, l’arginina viene spesso proposta come alternativa ai farmaci contro la disfunzione erettile in quanto migliora l’afflusso di sangue nei corpi cavernosi del pene, da cui dipendono le dimensioni dell’organo genitale maschile, e rende l’erezione più forte e duratura.

Schisandra

Nella composizione dei migliori preparati per la cura del deficit erettile rientra l’estratto di schisandra chinensis, che agisce contro lo stress ed ha un’ottima azione sull’efficienza sessuale. Si deve tenere in considerazione che il meccanismo erettivo non è solo di tipo fisico ma anche psichico. Lo stress può essere all’origine di veri e propri disturbi dell’erezione, e può quindi minare la vita sessuale se non si sa come gestirlo. È qui che interviene la schisandra, una pianta originaria dell’Asia orientale dalle proprietà adattogene, utile in caso di stress psico-fisico e tensioni nervose. I principi attivi sono i lignani, composti fenolici dal potere rinvigorente e antiossidante che hanno un impatto benefico sul cuore e sul sistema nervoso e sono in grado di ridurre il senso di fatica.

Tribulus Terrestris

Una pianta ampiamente utilizzata a contrasto dei disturbi legati alla sfera sessuale è il Tribulus Terrestris, la cui proprietà più importante è l’azione stimolante sulla produzione degli ormoni androgeni, con tutte le conseguenze del caso. I suoi semi sono ricchi di una saponina steroidea, la protodioscina, in grado di aumentare la libido e la produzione di sperma. In letteratura vi sono numerose evidenze scientifiche a conferma dell’efficacia di questa pianta nel trattamento della disfunzione erettile. In uno studio condotto sui topi, ad esempio, la somministrazione di tribulus terrestris si è rivelata capace di aumentare l’attività sessuale e la pressione all’interno dei corpi cavernosi del pene.

Barbabietola

Un altro ingrediente che può aiutare gli uomini a mantenere l’erezione, contribuendo in modo significativo al miglioramento della vita sessuale, è la barbabietola. Questo alimento stimola la produzione di ossido nitrico, con conseguente vasodilatazione e maggiore afflusso di sangue nei corpi cavernosi del pene, elementi fondamentali per il meccanismo dell’erezione.

Vitamine

Diversi studi hanno messo in evidenza l’associazione tra carenze vitaminiche e il rischio di incorrere nei problemi legati alla sfera sessuale. In particolare, la carenza di vitamine del gruppo B sembrerebbe mandare in cortocircuito la trasmissione di messaggi alle arterie del pene. Un altro elemento importante nel trattamento della disfunzione erettile è la vitamina C, un antiossidante il cui deficit concorrerebbe ad aumentare le probabilità di sviluppare il disturbo.

Qual è il miglior integratore per allungare il pene

Da quanto esposto si deduce che, con una strategia naturale e un investimento minimo, è possibile allungare il pene senza controindicazioni. Una delle migliori soluzioni viene offerta da Bio Tauro, un integratore naturale che si è dimostrato in grado di risolvere i problemi di disfunzione erettile, ritrovare il vigore perduto e potenziare l’erezione. I clienti che hanno utilizzato Bio Tauro hanno riportato un aumento della lunghezza del proprio pene in erezione. Le compresse Bio Tauro contengono tutti gli ingredienti naturali sopra elencati. Il prodotto è acquistabile solo online, in modo del tutto anonimo, e non c’è bisogno di avere una ricetta, il che evita all’uomo l’imbarazzo di recarsi in farmacia.

dove acquistare bio tauro

Ulteriori consigli per allungare il pene

Allungare il pene senza farmaci con Bio Tauro è possibile, ma vale la pena ricordare l’importanza di nutrirsi in modo bilanciato e di seguire uno stile di vita sano, praticando attività fisica in maniera costante e abolendo il fumo che, con la sua azione vasocostrittrice, può ostacolare gli effetti dell’integratore. È ovvio che la dieta e l’esercizio fisico non possano aumentare le dimensioni del pene, ma certamente diminuiscono il rischio di disfunzione erettile e aiutano da un punto di vista ottico: è infatti noto che il grasso, andandosi a depositare alla base del pene, contribuisca a farlo apparire più piccolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *