rimedi della nonna disfunzione erettile

I Rimedi della Nonna per chi soffre di Disfunzione Erettile

In che cosa consiste la disfunzione erettile?

La disfunzione erettile (comunemente denominata “DE”) è un disturbo dell’apparato genitale maschile consistente nella persistente e ricorrente incapacità di realizzare un’erezione tale da permettere di portare a termine il coito.

Secondo recenti statistiche sembra che oltre il 13% degli uomini ne sia affetto in maniera sporadica oppure permanente; questo dato non è comunque completamente attendibile in quanto molti individui soggetti al disturbo non ne manifestano la presenza dato che l’ammissione è sempre motivo di imbarazzo.

L’incidenza della disfunzione erettile aumenta col progredire dell’età, infatti se fino a 40 anni la percentuale di maschi che ne lamenta la presenza può arrivare al 15%, dopo i 70 tale valore aumenta del doppio.

Dal punto di vista eziopatologico almeno il 70% delle forme di DE è causato da motivi organici, mentre il restante 30% dipende da cause psico-emotive poiché si tratta in molte situazioni di una malattia psico-somatica.

Uno scorretto stile di vita contribuisce in maniera incisiva all’insorgenza di questa sindrome; infatti l’obesità, l’abuso di sostanze alcoliche, il fumo, l’impiego di droghe oppure l’assunzione di alcuni farmaci si comportano da fattori predisponenti di notevole rilevanza.

Alcune malattie dismetaboliche, come ipercolesterolemia e diabete possono incidere sulla comparsa di episodi di questo disturbo, anche se di solito il problema è transitorio e scompare se viene modificata la terapia.

La DE presenta una forte componente sia vascolare che neurologica, infatti la principale causa scatenante è riconducibile ad un insufficiente apporto di sangue ai corpi cavernosi del pene che, di conseguenza, non è in grado di inturgidirsi.

Dal punto di vista neurologico, il disturbo dipende da un’alterata propagazione delle stimolazioni sensoriali ai centri di controllo encefalici che, non venendo stimolati adeguatamente, non riescono a rispondere.

Tra i fattori predisponenti alla malattia bisogna anche ricordare le alterazioni dell’assetto ormonale del soggetto, dato che l’erezione del membro è controllata dal testosterone.

Come si affronta la disfunzione erettile?

disfunzione erettileIl primo step per affrontare nel modo giusto la disfunzione erettile è quello di rivolgersi al medico, preferibilmente l’urologo, per ottenere una diagnosi certa.

Spesso accade che, poiché la DE ha una forte componente psicogena, l’uomo che viene rassicurato da uno specialista sull’integrità del proprio apparato genitale non presenta più manifestazioni patologiche e riprende una sana vita sessuale.

Se al contrario viene confermata l’effettiva presenza del disturbo erettile si possono seguire vari percorsi terapeutici che vanno dall’assunzione di veri e propri farmaci, a quella di integratori oppure di preparati fitoterapici.

In molti casi può essere utile affrontare una terapia combinata che prevede sia l’impiego di prodotti farmacologici sia un percorso dialogico di natura psicoanalitica, per cercare di risolvere il problema anche dal punto di vista emotivo oltre che organico.

I farmaci abitualmente utilizzati appartengono alla categoria dei vasodilatatori, il cui ruolo è quello di aumentare l’afflusso di sangue al pene per favorire la sua erezione, mantenendola attiva per il tempo necessario al compimento del rapporto.

Non è sufficiente soltanto aumentare la quantità di sangue in entrata, ma bisogna anche mantenerlo nei corpi cavernosi per tutto il tempo utile a portare a termine il coito; pertanto questi farmaci devono agire a livello dell’intrappolamento ematico.

I principi attivi dei medicinali di questo genere sono i ricaptatori selettivi delle fosfodiesterasi, considerati come il trattamento di prima scelta per la DE, anche se non tutti i sorgetti sono in grado di tollerarli.

Un’alternativa a questi medicinali è quella dei rimedi fitoterapici che possono essere formulati sia come mono-preparazioni che come integratori alimentari; nel primo caso il prodotto viene realizzato con un unico principio attivo, nel secondo caso invece con un mix funzionale di numerose sostanze.

Quali sono i rimedi della nonna per la disfunzione erettile?

disfunzione erettile rimedi della nonnaI rimedi della nonna per contrastare la DE sono finalizzati principalmente a un cambiamento dello stile di vita, riguardante innanzitutto l’alimentazione.
Seguire un corretto regime dietetico è necessario soprattutto per evitare problemi di obesità, spesso collegati alla vita sedentaria.

Quindi è consigliabile evitare cibi grassi (in particolare ricchi di grassi animali, pericolosi per la salute di cuore e vasi sanguini), troppo raffinati (meglio optare per quelli integrali, ricchi di fibre), con elevato indice calorico oppure con proteine di origine animale.

Bisogna affiancare alla dieta una costante attività fisica giornaliera, non necessariamente sportiva, ma soltanto di movimento, come passeggiate, footing, bicicletta o cyclette.

È molto importante assumere vitamine e minerali che sono in grado di ottimizzare le funzioni metaboliche; quindi via libera alla frutta e alla verdura di stagione che, per l’elevato contenuto di acqua, contribuiscono a migliorare il bilancio idrico globale.

Un rimedio infallibile è quello di evitare per quanto possibile ansia e stress, pertanto sarebbe consigliabile cercare di rilassarsi prima di avere un rapporto sessuale, allontanando dalla mente tutti i pensieri negativi.

A tale scopo può rivelarsi molto vantaggioso bere una tisana rilassante a base di melissa, passiflora, biancospino e valeriana, almeno un’ora prima di avere un rapporto di coppia.

Tra i vari prodotti naturali indicati in caso di disfunzione erettile, Bio Tauro si è confermato, secondo le opinioni di numerosi consumatori, un rimedio estremamente valido ed efficace.

Il suo meccanismo d’azione si realizza sia sull’inturgidimento del pene, con aumento di lunghezza e di volume, sia sul tempo di mantenimento dell’erezione, che si protrae notevolmente.

I principi attivi contenuti nel prodotto sono tutti di origine naturale e non prevedono l’impiego di sostanze sintetiche né di conservanti o coloranti artificiali, garantendo in questo modo l’ottima tollerabilità del preparato.

I componenti di Bio Tauro sono: arginina (un potente vasodilatatore), estratto di barbabietola (disintossicante), estratto di tribulus terrestris (stimolante sulla produzione di testosterone), estratto di schisandra (indispensabile per allentare lo stress).

La concomitante presenza di numerose vitamine che migliorano lo stato di benessere dell’organismo conferma l’ottima qualità del prodotto

dove acquistare bio tauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *